Service

Roberto-Re-2.0

Immagine 1 di 1

 
 

Per ACQUISTI MULTIPLI, gentilmente inviare una mail ad eventi@rotarymontaperti.it e indicare NOME, COGNOME, MAIL e CELLULARE degli ospiti.
GRAZIE




Granaio di Montaperti, 24 maggio 2024

Venerdì 24 maggio si è svolta la consueta Festa di Primavera del nostro Club nonostante il meteo infausto che ha cercato di rovinare i nostri piani.

Quest’anno la raccolta fondi era dedicata alla DSA, service storico del nostro Club, con la Direttrice dell’Associazione Serenamente che ha illustrato i risultati riportati in questa annata scolastica, dove siamo riusciti ad aiutare più di 50 ragazzi.

Grande partecipazione di ospiti con oltre 200 presenze che hanno impreziosito il nostro sforzo.
Durante la serata si è svolta la consueta lotteria con numerosi premi.
Le danze sono arrivate fino a notte tarda grazie ai Karmadelic che hanno presentato un ampio repertorio musicale.

Un plauso al Consiglio Direttivo che ha scelto una location, magari un po’ inflazionata, ma double face che ha permesso un normale svolgimento del nostro evento, ma un plauso ancor più grande alla commissione della festa che ha reagito prontamente risolvendo tutte le problematiche organizzative.

Pinacoteca di Siena, 14 maggio 2024

Il 14 maggio per i soli soci del nostro Rotary è stata presentata in anteprima la ricostruzione della pala dell’Osservanza, service della nostra annata, presso la Pinacoteca. Il Direttore Axel Hemery dopo una breve introduzione ci ha portato nella sala dedicata a questa opera e ci ha svelato il risultato del nostro sforzo.

Il Club Rotary Montaperti ha partecipato e finanziato insieme all’Associazione degli amici della Pinacoteca nazionale di Siena, la ditta Pianigiani Rottami, i frati messicani dell’Osservanza, la Diocesi e l’Opera metropolitana una delle operazioni culturali più importanti degli ultimi 20 anni a Siena.

La storia comincia alla fine del ‘700. Una pala conservata alla chiesa di san Maurizio viene smembrata a seguito della soppressione del convento. Due frammenti approdano all’istituto di Belle Arti di Siena nel 1812, una Madonna con Bambino e santi, una predella con tre scene. Negli anni 1820, la Madonna col Bambino e santi è portata alla basilica dell’Osservanza in compenso delle requisizioni napoleoniche.

Il Prof. Bagnoli e la Dott.ssa Capresi avevano il progetto di ricostituire la Pala da tempo. L’autonomia della Pinacoteca nazionale di Siena, acquisita nel 2021, ha permesso di semplificare il processo. Un’opera di ottimo livello, l’Incoronazione della Vergine di Sano di Pietro è stata depositata dalla Pinacoteca alla basilica dell’Osservanza. I frati messicani hanno approfittato del movimento per procedere all’imbiancatura di tutta la basilica. I due frammenti sono stati ricomposti in una cornice dotata di pilastrini secondo i modelli antichi conservati. In virtù di accordi stabiliti tra la Pinacoteca e l’Opera del Duomo, Stefano Butti, il falegname dell’OPA, aiutato da suo figlio Daniele, ha realizzato un lavoro di altissima qualità.

La Pinacoteca nazionale di Siena che è l’unico museo che raccoglie tutta la pittura senese dal ‘200 al ‘600 può oramai presentare uno dei capolavori assoluti della pittura del ‘400 a Siena. Datato 1436 e commissionato dal pizzicagnolo Manno di Orlando, il polittico è un caposaldo della produzione del cosiddetto Maestro dell’Osservanza. Questo pittore è al centro di un dibattito attributivo molto acceso tra gli studiosi. Mentre è stato prodotto un documento che cita Sano di Pietro come firmatario del contratto per la Natività della Vergine di Asciano, opera sempre attribuita al Maestro dell’Osservanza, alcuni studiosi di primo piano rifiutano questa proposta e mantengono l’esistenza di un Maestro dell’Osservanza. Secondo loro, Sano di Pietro sarebbe un pittore-imprenditore che si sarebbe avvalso di un socio più dotato di lui che sarebbe scomparso prematuramente, il Maestro dell’Osservanza per l’appunto.

Al di là di questo dibattito che la presenza dell’opera ricostituita in Pinacoteca consentirà di approfondire, la Pala dell’Osservanza diventerà per i visitatori un punto di riferimento per il primo ‘400 come il Polittico dell’Arte della Lana del Sassetta o la Madonna dell’Umiltà di Giovanni di Paolo. A sottolineare l’importanza dell’opera la visita di due studiosi americani che hanno chiesto di poter osservare da molto vicino l’opera, utilizzando anche scalei, restando a dir poco stupefatti, come è stato riportato anche nei quotidiani cittadini.

La serata è proseguita con una conviviale durante la quale Il Dott. Hemery e la Dott.ssa Capresi hanno illustrato i risultati ottenuti quest’anno dalla Pinacoteca e gli obiettivi a breve e lungo termine, confidando nel proseguio di una collaborazione con il nostro Club.
A completare questa splendida serata abbiamo effettuato la presentazione al Club del nostro nuovo socio Ettore Casini Cipriani che si trasferisce dal RC Volterra.

 

Ricomporre un capolavoro della pittura senese del Quattrocento è un avvenimento raro; e diventa anche un fatto rilevante, se poi questo capolavoro entrerà definitivamente a far parte del catalogo delle opere della Pinacoteca Nazionale di Siena. Quando s’intravede un’occasione del genere sulla propria strada, non si può far a meno di trasformarla in un’iniziativa concreta.

Noi “Amici della Pinacoteca Nazionale di Siena” abbiamo colto al volo l’importanza del progetto di ricomposizione di un complesso pittorico, che da anni era conservato nel “cassetto” di Alessandro Bagnoli e così, grazie anche al finanziamento dell’Azienda Pianigiani Rottami e del Rotary Club di Siena Montaperti, è partita  una complessa operazione, che sarà al centro di una serie di iniziative di promozione culturale incentrate sul patrimonio artistico del museo nazionale presente nella città toscana e che culmineranno in una mostra sull’arte della stagione tardogotica senese che si terrà nel Museo di San Pietro all’Orto a Massa Marittima

Comunicato stampa Sano di Pietro

Articolo su “La Nazione”

 

 

Siena, lunedì 9 ottobre 2023

All’Oratorio di San Bernardino si è tenuta la presentazione dell’opera della Madonna di Vigano di Bartolo di Fredi, restituita alla città nel suo splendore dopo il restauro effettuato grazie alla collaborazione del Rotary Club Siena Montaperti e l’Inner Wheel Siena.

La manifestazione ha avuto un così grande richiamo che la sala non è riuscita a contenere l’affluenza delle persone interessate ed al momento dello svelamento un sincero fragoroso applauso si é elevato nell’aria.

Il Prof Alessandro Bagnoli, noto storico dell’Arte ha parlato dell’autore, del periodo storico in cui ha vissuto portandoci a conoscenza delle molteplici opere pittoriche sparse nel territorio.

Il restauro dell’opera, sita presso la Chiesta di Vignano, é stato affidato da Don Enrico Grassini, Direttore dell’Ufficio dei Beni Culturali dell’Arcidiocesi, a Jacopo Antonio Carli che nel corso della presentazione ha spiegato i vari interventi effettuati per riportare la tavola all’antico splendore.

Un particolare ringraziamento va al nostro Presidente della Commissione Cultura Daniela Passetti Bucalossi, socia anche dell’Inner Wheel Siena, promotrice del restauro e che per l’occasione ha espresso l’orgoglio dei due Club nell’aver contribuito a restituire alla comunità senese un bene tanto prezioso.

 

“La Madonna di Vignano a Siena: un bel restauro per ridare l’opera alla città” (lanazione.it)

Restauro della Madonna di Vignano, Siena si riappropria della tavola lignea di Bartolo di Fredi | RadioSienaTv

Bartolo di Fredi – Wikipedia

 

 

Scopri la location…

Siena, 30 Marzo 2023

 

Tante le emozioni vissute durante la cerimonia di premiazione del concorso “Prevenire è Vita” che si è svolta nella magnifica aula magna dell’Università di Siena.

L’evento organizzato dal RC Siena Montaperti in collaborazione con la Guardia di Finanza e con la Lilt Siena ha riscosso un grandissimo successo. Presente il Sindaco di Siena e le rappresentanze delle forze dell’ordine.

Un’aula Magna gremita di ospiti, numerosissimi gli studenti che hanno partecipato attivamente alla cerimonia insieme ai docenti, e che durante la premiazione hanno raccontato di se e delle opere che hanno realizzato.

Emozionante l’intervento della giornalista e conduttrice televisiva Francesca Fialdini che rivolgendosi ai ragazzi ha ricordato Nadia Toffa, amica e collega i cui percorsi professionali si sono incrociati più volte.

La giornalista ha poi abbracciato sul palco la mamma di Nadia che ha ricordato la figlia ed il valore della fondazione che è stata creata in suo nome.

Un’evento indimenticabile. Grazie a tutti per la calorosa partecipazione.

Visita la gallery

28 Marzo – Castelnuovo Berardenga

Questa mattina è stato consegnato un defibrillatore al sindaco di Castelnuovo Berardenga, Fabrizio Nepi.

Il defibrillatore verrà posizionato nella nuova scuola media G. Papini, che verrà inaugurata in estate in seguito alla ristrutturazione di un edificio del 1964.

21 Marzo 2023 – Interclub

Ieri sera a Villa Viviani a Firenze, alla presenza del Governatore Nello Mari, si è svolta la cerimonia di assegnazione della borsa di studio Rotary Next Generation al vincitore dott. Diego Palpacelli.

Il nostro Club era presente con la presidente Gaia Tancredi e i soci Piero Morbidi, Laura Gambera, Micaela Papi e Lucia Vigiani.